venerdì 31 gennaio 2014

Bisque di gamberi al Brandy


Che bella la neve!!!!
Ci regala paesaggi montani incantati, la magia dei boschi innevati, i suoni ovattati mentre cade e il mondo sembra avvolto in trine leggere dai ricami delicati.
E che dire di quelle belle giornate invernali, quando l'aria è frizzante e il paesaggio è bianco di neve?
Adoro la neve.
In montagna.

Parliamoci chiaro, anche in città è bellissima: i parchi cittadini innevati, i bambini che giocano a palle di neve, sono tutti spettacoli che mi mettono allegria.
E' per le strade di città che invece è triste: viene coperta subito da un velo nero di smog, diventa marroncina là dove passano le macchine, con occasionali macchie gialle che segnano il passaggio di un cane portato fuori dal padrone intirizzito.
Ecco, se solo la neve potesse cadere in città solo nei luoghi appositamente selezionati per lei, sarebbe fantastica. Di più, sarebbe la benvenuta.
Stando diversamente le cose, sono contenta che oggi a Milano piova. :-)


PRAWN BISQUE WITH BASIL AND BRANDY
Bisque di gamberi con basilico e Brandy
Da: Lorraine Pascale – Home Cooking Made Easy – Harper Collins



Per 4 persone:

15-20 gamberoni col guscio
1 grossa cipolla rossa
1 spicchio d’aglio
1 foglia di alloro
1 cucchiaio colmo di farina bianca
2 o 3 cucchiaiate colme di passata di pomodoro
125 ml Brandy
650 ml di buon fumetto di pesce o brodo vegetale
60 ml di doppia panna (io ho usato una panna fresca normale)
1 carota pelata e tritata grossolanamente
Paprika a piacere (io ne ho messo mezzo cucchiaino)
Olio extravergine di oliva
2 noci di burro
Sale
Pepe di mulinello
½ mazzo di basilico (solo le foglie)



Tritare la cipolla finemente, metterla in una casseruola media con un filo d’olio e far cuocere a fuoco dolcissimo per 10 minuti.
Nel frattempo sgusciare i gamberoni tenendo da parte i gusci (ma non le teste); mettere i gamberoni in frigo e i gusci nella casseruola insieme alla cipolla. Farli cuocere a fiamma vivace mescolando di tanto in tanto per 2 o 3 minuti, o fino a quando i gusci non siano diventati di un bel rosa aranciato. Unire lo spicchio d’aglio sbucciato, la passata di pomodoro e la foglia di alloro e far cuocere un altro minuto, poi versare 75 ml di Brandy prelevato dalla quantità totale e farlo evaporare, sempre mescolando. Versare il fumetto e la panna, aggiungere la carota e la paprika, portare a ebollizione, poi abbassare la fiamma, coprire la pentola e far sobbollire per 30 minuti.

Cinque minuti prima del termine della cottura sciogliere una noce di burro in una padella a calore medio-alto. Appena il burro diventa spumeggiante farvi cuocere i gamberoni per 2-3 minuti, salarli e peparli. Unire il rimanente Brandy (50 ml) e far cuocere un altro minuto, giusto il tempo che l’alcool evapori, poi togliere dal fuoco.

Mettere un colino sopra una ciotola e passarvi la preparazione in brodo. Aiutandosi con un pestello di legno spremere i gusci, in modo da estrarne tutto il sapore. E’ molto importante dedicare 5 minuti buoni a questa operazione, perché sono i gusci che danno il sapore. Una volta spremuti, possono essere buttati.

Sciacquare la casseruola dove è stato preparato il brodo e sciogliervi l’altra noce di burro insieme alla farina. Mescolarli per formare il roux e aggiungervi gradualmente il brodo di pesce mescolando in continuazione, per evitare la formazione di grumi. Una volta aggiunto tutto il brodo alzare la fiamma e far bollire per qualche minuto, fino a fare addensare la bisque. Se la desiderate più liquida aggiungete un pochino d’acqua, se invece la preferite più cremosa fate sciogliere un’altra noce di burro in un padellino, aggiungetevi un cucchiaio di farina, fate il roux e incorporatevi a poco a poco parte della bisque, mescolando per evitare la formazione di grumi. Unire la preparazione alla bisque e far bollire fino a quando non otterrete la consistenza desiderata (io ho trovato perfetta la consistenza della bisque seguendo la ricetta di Lorraine: non stiamo mica preparando una besciamella!).

A questo punto versare nella bisque i gamberoni e l’eventuale liquido rimasto nella loro padella e proseguire la cottura per mezzo minuto.

Suddividere la bisque tra 4 piatti e decorare con foglie di basilico lavate, tamponate e tagliate a striscioline. Servire la bisque accompagnata da crostini caldi.

Note:
- Non aggiungete le teste dei gamberoni alla bisque per nessun motivo: danno un sapore divino ma un colore, come dire, terreno. :-)

- Personalmente non sono d’accordo con l’inserimento della panna a inizio cottura: meglio aggiungerla alla fine. Per dare un colore più appetitoso alla mia bisque ho dovuto metterne circa il doppio rispetto alla dose indicata dalla Pascale.

15 commenti:

  1. La punto da un po' e come ti ho scritto su fb la farò a breve. Mille grazie!

    RispondiElimina
  2. il procedimento è un pò lungo, ma immagino ne valga la pena. ho sempre pensato che nella bisque ci andassero anche le teste. non le metti solo per via del colore finale? essendoci il pomodoro, il colore "terreno" non si nasconde?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di regola nelle zuppe di pesce io metto le teste, e il colore del brodetto non mi preoccupa più di tanto; questa bisque però l'ho dovuta fare 2 volte prima di fotografarla. La prima volta avevo usato le teste e il colore era inguardabile, assolutamente inquietante. ;-)
      La seconda volta senza teste, il risultato è quello che vedi in foto (e analogo a quanto fotografato nel libro).
      Un abbraccio. :-)

      Elimina
    2. Mi piace un sacco questa ricetta, e non solo per l'uso del Brandy :-) la descrivi proprio bene, sembra perfino facile! intanto me la segno, ho idea che è la classica ricetta "da porca figura" in caso di ospiti!! bacioni mitica Mapi!

      Elimina
    3. Stefania, mi hai anticipato: il procedimento è un po' lungo ma la farò a breve!
      Mapi, per il mio consumo casalingo, metterò anche le teste, immagino che ci guadagni il sapore. In ogni caso, grazie di questa proposta

      Elimina
    4. Occhei, allora ve lo dico a chiare lettere: il colore è quello della k@kk@... liquida!
      E poi non dite che non vi avevo avvertite... ;-)

      Elimina
  3. Ma che bontà, mi piace tantissimo, sento il sapore e il profumo in bocca!!! E la bisque ha una consistenza gradevolissima. Un saluto e buon w.e. Manu

    RispondiElimina
  4. ciao mery questa bisque ha un aspetto fantastico! che fame!!! :)

    RispondiElimina
  5. io la devo fare, sono secoli che voglio provare la bisque, mai cucinata né mangiata, e questa tua versione spiegata così dettagliatamente, mi sembra perfetta.
    sulle teste avrei detto uguale a stefania, ma mi fido. anche perché buttare 20 gamberoni mi sembrerebbe una bruttissima cosa.
    sempre precisa e dettagliatissima, mapi, una garanzia!

    RispondiElimina
  6. Be' il colore non sarà fotogenico, ma se il sapore ne guadagna, perché no?
    una ricetta coi contro fiocchi, as usual!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, prova e poi decidi che fare. ;-)
      Il mio unico consiglio è di fare la prima prova per una cena in famiglia. :-D

      Elimina
  7. Ecco, io quando vedo questi piatti vado in brodo di giuggiole.. adoro i gamberi, mi piace da morire l'abbinamento col brandy e faccio la ola per tutto ciò che si mangia col cucchiaio.
    Mi conquisti, e concordo sulla neve. Bella, ma in montagna!

    RispondiElimina
  8. acc...colore bellissimo ma ora mi toccherà acquistare i piatti neri!!! assolutamente indispensabili vero??? complimenti cara mapi questa bisque mi ispira tantissimo!!!

    RispondiElimina
  9. questa mi ha attirato dal primo momento che l'ho vista, ma non l'ho mai riproposta a casa, perché mi lincerebbero. Amano le cose sostanziose, loro :) Magari me la tengo in dispensa per una cena chic :)

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti... tranne i maleducati! ;-)